Notizie relative alla categoria: Attività pratiche STBBAAMM

LABORATORIO "FOTOGRAFARE I BENI CULTURALI"

LABORATORIO “FOTOGRAFARE I BENI CULTURALI”
A.A. 2016-2017, II semestre

Referente: prof. Giovanni Bianchi.
Conduttore: dott. Michele Barollo (per informazioni: michele.barollo@unipd.it, 049 8274648).
Numero massimo di partecipanti: 40.
Possono iscriversi gli studenti dei seguenti Corsi di laurea triennale:
- Storia e tutela dei Beni artistici e musicali
- Progettazione e Gestione del Turismo culturale
- Archeologia
- Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo
Calendario delle lezioni (10 lezioni, totale 20 ore, al martedì pomeriggio):
- 14, 21, 28 marzo 2017,ore 15.30 - 17.30, aula FILM – Capitaniato;
- 4, 11 aprile, ore 16.30 - 18.30, aula C – ECA;
- 18 aprile,9, 16, 23 maggio, ore 15.30 - 17.30, aula FILM – Capitaniato;
- 30 maggio, ore 16.30 - 18.30,aula C – ECA;
- una delle lezioni in calendario sarà svolta presso un set di ripresa fotografica per i beni culturali dell’Università di Padova.
La frequenza è obbligatoria: è ammessa una assenza, da recuperare presso il Laboratorio fotografico di Dipartimento.
Prova di verifica e valutazione: due prove intermedie e preparazione di una breve relazione conclusiva.
L’acquisizione dei crediti formativi (3 CFU) si potrà ottenere se almeno una delle prove intermedie e la relazione conclusiva saranno valutate positivamente.

Ci si potrà iscrivere, dal 15 febbraio al 12 marzo, scrivendo a michele.barollo@unipd.it: specificare cognome e nome, numero di matricola, corso di laurea, anno di corso (I, II, III, fc), sarà data conferma in replica dell’avvenuta iscrizione.
Scarica la descrizione dell'attività di laboratorio (formato Acrobat-pdf)

LABORATORIO DI VIDEOSCRITTURA MUSICALE

A partire da giovedì, 7 aprile 2016, e con cadenza settimanale, avrà luogo il LABORATORIO DI SCRITTURA MUSICALE AL COMPUTER (con programma FINALE), tenuto dal prof. Giuseppe Viaro presso l’aula LAIF3.
Il laboratorio è costituito da lezioni frontali e attività di applicazione personale, per 3 CFU, durante le quali gli studenti svilupperanno la conoscenza della videoscrittura musicale, allo scopo di ricopiare composizioni manoscritte e a stampa, antiche e moderne.
Avviso Laboratorio 2016

Curare una mostra d’arte

II SEMESTRE  2015/16

REFERENTI E CONDUTTORI : PROF. Guido Bartorelli, PROF. Giovanni Bianchi

 

NUMERO PARTECIPANTI: 15

 

CALENDARIO:  giugno-dicembre 2016

 

 

 

BREVE TESTO DI DESCRIZIONE DEL LABORATORIO

 

 

Il laboratorio è il frutto della collaborazione del Dipartimento dei Beni Culturali: archeologia, storia dell’arte, del cinema e della musica dell’Università degli Studi di Padova con l’Assessorato alle Politiche Giovanili – Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova.

 

PROGRAMMA

Il laboratorio vedrà lo studente impegnato nel ruolo di vero e proprio curatore della mostra personale di un artista. Gli incontri che si terranno a giugno 2016 presenteranno le varie problematiche relative alla cura di una mostra d’arte contemporanea. Intorno alla metà di settembre seguirà almeno un altro incontro di coordinamento.

Le tematiche del laboratorio sono:

 

  • cosa vuol dire curare una mostra?
  • il rapporto con l’artista
  • la relazione con lo spazio
  • la valutazione della fattibilità
  • il lavoro d’allestimento
  • la preparazione di un comunicato stampa
  • scrivere un testo di presentazione critica
  • la cura degli apparati bio-bibliografici
  • la riproduzione fotografica dell’opera
  • la promozione dell’evento
  • la “grande serata” del vernissage
  • la pubblicazione del catalogo
  • il rapporto con le istituzioni
  • breve storia della figura professionale del curatore
  • esperienze di politiche pubbliche per le arti contemporanee
  • rapporto creatività/territorio

 

Ogni studente riceverà il compito di collaborare in qualità di curatore con un differente artista, selezionato dall’Ufficio Progetto Giovani tra gli iscritti all’Archivio padovano dell’Associazione per il Circuito Giovani Artisti Italiani – GAI. Ogni coppia curatore/artista dovrà realizzare concretamente una mostra nell'autunno 2016, con la quale si concluderà l’attività del laboratorio.

Lo studente seguirà e supporterà l’artista nella progettazione e nella realizzazione della mostra, seguendolo in tutte le fasi: dal primo sopralluogo alla valutazione di fattibilità, dall’allestimento all’inaugurazione, fino allo smontaggio. Inoltre, lo studente si occuperà della stesura del comunicato stampa, del testo di presentazione critica e degli apparati bio-bibliografici.

 

Il programma del laboratorio, con le date esatte degli incontri e delle mostre e la modalità per iscriversi, sarà diffuso a maggio 2016, tramite newsletter dams e bc.

 

CANTO GREGORIANO (Avanzato) ANNO ACCADEMICO: 2015-2016

REFERENTI: Prof. GIOVANNA BALDISSIN, prof. ANTONIO LOVATO
giovanna.baldissin.molli@unipd.it; antonio.lovato@unipd.it

CONDUTTORE: LETIZIA BUTTERIN

NUMERO PARTECIPANTI: 20

Orario delle lezioni: ore 15.00-17.00

 

Sede del corso: Padova - Basilica del Santo, Chiostro dei Musei

 

CALENDARIO: ottobre 2015 - aprile 2016 (19 lezioni)
- 10, 17, 24, 31 ottobre 2015
- 7, 14, 21 novembre 2015
- 5, 12 dicembre 2015
- 16, 23, 30 gennaio 2015
- febbraio-aprile 2016: date da definire.

PROGRAMMA

- Le fonti e i libri manoscritti
- Le fonti a stampa: dall’edizione medicea alle edizioni della restaurazione gregoriana
- La notazione: segni neumatici e lettere aggiuntive, notazione alfabetica e notazioni simboliche, il sistema guidoniano
- La cantillazione ritmo-verbale: l’accento melodico (pes), la cadenza melodica (clivis)
- Testo, ritmo, modalità
- Esercitazioni: studio, lettura, intonazione e interpretazione di brani del repertorio gregoriano
- Saggio finale.

Ciclo di conferenze - Mostra "Donatello svelato. Capolavori a confronto" (Museo Diocesano di Padova - 8, 21, 29 maggio 2015)

Locandina-conferenze-Donatello-al-Museo-DiocesanoIn occasione della mostra "Donatello svelato. Capolavori a confronto” si terrà un ciclo di conferenze presso il Museo Diocesano di Padova con il seguente programma:

venerdì 8 maggio, ore 17.00
Da Firenze a Padova: i tre Crocifissi grandi di Donatello con Francesco Caglioti (Università degli Studi di Napoli Federico II)

giovedì 21 maggio, ore 17.00
Documentare le opere d’arte.
Dalla ricerca scientifica alle applicazioni multimediali.
Il caso del Crocifisso di Donatello della Chiesa dei Servi di Padova con Stefania De Blasi e Marco Nervo (Centro Conservazione e Restauro La Venaria Reale)

venerdì 29 maggio, ore 17.00
Il restauro del Crocifisso ligneo di Donatello della chiesa dei Servi di Padova
con Elisabetta Francescutti (MIBACT - Segretariato regionale per il Veneto)

Ingresso libero fino a esaurimento posti.
Le conferenze si svolgono al Museo Diocesano di Padova.
Per informazioni: tel. 049 8761924 - info@museodiocesanopadova.it

La partecipazione a tutte e tre le conferenze e la stesura di una breve relazione sui temi trattati, da consegnare al prof. Giovanni Bianchi, consentono l’acquisizione di 1 credito formativo per gli studenti del Corso di laurea in Storia e tutela dei beni artistici e musicali dell’Università degli Studi di Padova.

Sono invitati a partecipare i dottorandi, gli specializzandi, gli studenti e tutti gli interessati.
Scarica la locandina dell'evento.

Il Direttore del Dipartimento
prof. G. Valenzano

Laboratorio di storia dell'arte moderna

Conduttore:  dott. Denis Ton - denis.ton@unipd.it

Calendario:  marzo - aprile 2015

La partecipazione al corso é a numero chiuso (max 30 partecipanti)

Il laboratorio si propone di fornire ai partecipanti gli strumenti di approfondimento necessari alla comprensione e allo studio di due secoli della storia dell'arte, vale a dire il Seicento e il Settecento.

 

Laboratorio di Storia dell'arte contemporanea: "Come si scheda un'opera d'arte contemporanea"

Laboratorio di Storia dell'arte contemporanea
dott.ssa Federica Stevanin

Riservato agli studenti di Storia e Tutela dei Beni Artistici e Musicali

Sarà possibile iscriversi al Laboratorio da mercoledì 1 aprile 2015,
presso il front office della Segreteria Didattica (Palazzo Liviano).

Il laboratorio si articola in sette incontri:

1) lunedì 13 aprile ore 10.30-12.30 aula F Maldura
2) lunedì 20 aprile ore 10.30-12.30 aula F Maldura
3) lunedì 27 aprile ore 10.00 appuntamento ingresso Collezione Peggy
Guggenheim
4) martedì 28 aprile ore 10.00 appuntamento ingresso Ca' Pesaro, Venezia
5) lunedì 4 maggio ore 10.00 appuntamento ingresso Punta della Dogana
6) mercoledì 27 maggio ore 9.30-11.30 aula magna via Vescovado
7) venerdì 29 maggio ore 12.30-14.30 aula F Maldura

Laboratorio di Videocrittura musicale (programma FINALE)

Da giovedì, 9 aprile 2015, a cadenza settimanale, avrà luogo il LABORATORIO DI SCRITTURA MUSICALE AL COMPUTER (con programma FINALE), tenuto dal Prof. Giuseppe Viaro presso l’aula LAIF2.
Il laboratorio è costituito da 21 ore frontali e 30 di applicazione personale, per 3 CFU, durante le quali gli studenti universitari iscritti ai corsi di laurea AMS e STB (indirizzo musicale), LSMBM e LMMBM svilupperanno la conoscenza della videoscrittura musicale, allo scopo di ricopiare composizioni manoscritte e a stampa, antiche e moderne.

PROGRAMMA
Il laboratorio consiste di due fasi. Nella prima parte verranno approntate ricopiature di piccoli brani classici o frammenti di essi in modo da poter acquisire le conoscenze di base relative al programma di scrittura musicale FINALE (introduzione delle note,operazioni sulla ricopiatura della musica, impostazione delle accollature, segni espressivi, ecc.). Verranno inoltre fornite informazioni circa l’impaginazione e le modalità di trasferimento dei file in Word.
Nella seconda parte verranno ricopiati estratti da spartiti di musica antica in notazione moderna. Saranno inoltre trattati i problemi riscontrati nella trasposizione grafica (creazione di incipit, ecc.). Infine, ad ogni studente sarà consegnato un elaborato manoscritto la cui trascrizione potrà essere avviata nell’orario di esercitazione. L’elaborato dovrà essere consegnato in sede di attribuzione dei crediti formativi.

ISCRIZIONE
L’iscrizione al laboratorio si effettua inviando un messaggio al Prof. Giuseppe Viaro
<giuseppe.viaro@gmail.com> specificando: numero di matricola, Corso di studio, Nome, Cognome, indirizzo di posta elettronica di riferimento e, possibilmente, un recapito telefonico.
L'iscrizione può essere effettuata fino al primo giorno del laboratorio (27 febbraio, prima data del lab.), rif. Prof. Viaro.
I crediti verranno registrati alla fine del laboratorio previa la consegna dell’elaborato conclusivo.
Numero massimo di partecipanti: 25
Qualora il numero degli iscritti risultasse superiore, verrà data precedenza agli
studenti dei corsi LSMBM e LMMBM, quindi a quelli del secondo e terzo anno dei
corsi triennali e, infine, seguendo l’ordine di iscrizione.
La frequenza al corso è obbligatoria, e si consentono al massimo 2 assenze.

Referente: Prof. Antonio Lovato Docente: Prof. Giuseppe Viaro

CALENDARIO
giovedì, 9 aprile 2015, ore 9.30 - 12
giovedì, 16 aprile 2015, ore 9.30 - 12
giovedì, 23 aprile 2015, ore 9.30 - 12
giovedì, 30 aprile 2015, ore 9.30 - 12
giovedì, 7 maggio 2015, ore 9.30 - 12
giovedì, 14 maggio 2015, ore 9.30 - 12 g
giovedì, 21 maggio 2015, ore 9.30 – 12
per un totale di 7 giovedì, 21 ore.

Ciclo di Conferenze, marzo-aprile 2015 "Archeologia a Verona" (Museo di Scienze archeologiche e d'Arte, Liviano)

eli-veronaveronaA Verona il passato si specchia nel presente attraverso mostre di fotografia, ambientate in meravigliosi cornici storiche e con nuove iniziative didattiche e progetti su grande scala, che trasformeranno nel giro di qualche anno il volto dei musei cittadini. In questo ciclo di conferenze viene così presentato nel piccolo e con una serie di casi studio, un nuovo modo di sentire l'antico che è ormai parte di un rinnovamento nazionale di cui anche l'Università si è fatta promotrice.
Relatori delle conferenze saranno la prof.ssa Ghedini e la prof.ssa Zanovello dell'Università degli Studi di Padova, le dott.sse Carla Avanzini e Margherita Bolla dei Musei Civici di Verona e la dott.ssa Lorenza Roverato, docente presso l'Accademia di Belle Arti di Brescia.
La referente del ciclo è la prof.ssa Zanovello.

L'accesso alle conferenze è su prenotazione e dà diritto, presentando una relazione finale, ad 1 cfu per i corsi di PGT, ARC, STB. Sono disponibili 15 posti. Per prenotazioni rivolgersi a Michela Milanato, segreteria didattica, piano terra, Dipartimento dei Beni Culturali.

Le conferenze sono obbligatorie per gli iscritti allo stage sugli Scavi Scaligeri.

Programma

Mercoledì 11 marzo ore 14.00
PAOLA ZANOVELLO (UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA), CARLA AVANZINI (CENTRO INTERNAZIONALE DI FOTOGRAFIA AGLI SCAVI SCALIGERI),
Tra formazione e conoscenza: gli Scavi Scaligeri a Verona, un patrimonio sotto i piedi

Martedì 17 marzo ore 14.00
MARGHERITA BOLLA (MUSEO ARCHEOLOGICO AL TEATRO ROMANO DI VERONA – MUSEO MAFFEIANO),
Il Museo Archeologico al Teatro romano di Verona: storia ed evoluzione

Martedì 24 marzo ore 14.00
LORENZA ROVERATO (ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRESCIA),
ARCHEOLOGIA FA RIMA CON FOTOGRAFIA? La didattica tra scavi e scatti al Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri di Verona

Mercoledì 1 aprile ore 14.00
ELENA FRANCESCA GHEDINI (UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA),
La Valorizzazione dei beni archeologici in ambito urbano

Scarica la locandina delle conferenze.

Laboratorio di Forme delle musica medievale e rinascimentale

Docente: Francesco Facchin
Calendario delle lezioni

18, 20, 25, 27 novembre 2014: ore 08,30-10,30;
2, 4, 9, 12, 16, 19 dicembre 2014: ore 08,30-10,30.
Aule F e Fonetica di Palazzo Maldura

Programma
Il laboratorio è proposto come momento di riflessione analitica complementare al corso di Storia della musica medievale e rinascimentale. All’esame del concetto di forma, con riguardo agli elementi costitutivi della scrittura e della sintassi musicale, farà seguito l’esame di un campione di composizioni medievali e rinascimentali, tra tarda monodia e polifonia, rappresentative della cultura musicale del Medioevo e del Rinascimento. L’attenzione verrà rivolta ad aspetti macroformali, di morfologia melodica, configurazione contrappuntistica e struttura armonica. Durante gli incontri verranno proposti ascolti guidati, con esercitazioni di analisi musicale applicate a composizioni appartenenti ai seguenti generi e forme:

Le forme musicali nel medioevo: dal canto monodico alle prime espressioni polifoniche: cantus planus binatim, organum, clausula, conductus.
Il Trecento in Italia: la musica sacra e profana: mottetto isoritmico, madrigale, ballata, caccia.
Il Trecento francese: ballade, virelais, rondeaux.
Il Quattrocento: il fauxbourdon, la chanson, la frottola, la lauda polifonica.
Il Cinquecento profano: la canzonetta, la villanella, il madrigale, il madrigale rappresentativo.
Il Cinquecento sacro: messa e mottetto, inni, falsobordoni e litanie.
Coro a otto e doppio coro.

Totale: 20 ore di lezione frontale (75 complessive) per 3 CFU

Per iscriversi al laboratorio, inviare comunicazione di adesione entro il 17 novembre al seguente indirizzo: francesco.facchin@conservatoriopollini.it

Referente: prof. Antonio Lovato antonio.lovato@unipd.it
Posti disponibili 20: accesso secondo l’ordine di iscrizione.

BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO
Giuseppe Vecchi, Teoresi e prassi del canto a due voci in Italia nel Duecento e nel primo Trecento, Certaldo, Centro Studi sull’Ars nova italiana del Trecento, II, 1970, pp. 203-214.
Giulio Cattin, La monodia nel Medioevo, Torino, EDT, 19912: capitoli relativi alla storia ed evoluzione del  gregoriano.
F. Alberto Gallo, La polifonia nel Medioevo, Torino, EDT, 19912. Cap. I: Il Duecento, $1. Musica e grammatica; $ 4. L’”Organum” a Notre Dame; Cap. II: Il Trecento francese, $ 7. Parigi: le idee e le discussioni, $ 9 “Talee” e “colores”,$ 11. Dalle tecniche poetiche alle tecniche musicali; Cap. III. Il Trecento italiano, $15. Il madrigale, $ 18. La ballata; Cap. IV. Il Quattrocento, $ 20. Politica e musica nella repubblica di Venezia.
Claudio Gallico, L’età dell’Unanesimo e del Rinascimento, Torino, EDT, Cap. I. $ 2. Geografia, storia e invenzioni della musica «fiamminga», $ 3. Le sei generazioni dei maestri oltremontani, $ 4. Dufay, $ 9. Josquin Desprez,
F. Facchin, La recezione del Petrarca nella poesia musicale della sua epoca: alcuni esempi, «Quaderns d’Italià», 11 (2006), pp. 359-380: http://www.raco.cat/index.php/QuadernsItalia/article/viewFile/53220/61227
M. Gozzi, Sul rapporto testo-musica nel Trecento italiano: il caso del madrigale petrarchesco ‘Non al so amante’ intonato da Jacopo da Bologna, «Polifonie», IV/3 (2004), pp. 165-195:
http://musicologia.unipv.it/tibaldi/materiali/gozzi.pdf

A. Lovato, Teoria e prassi del canto certosino. Il ms. E.52 del Civico Museo Bibliografico Musicale di Bologna, in Sine musica nulla disciplina... Studi in onore di Giulio Cattin, a cura di F. Bernabei e A. Lovato, Padova, Il Poligrafo 2006 (Humanitas, 4), pp. 241-290: http://www.bibliotecamusica.it/cmbm/biblio/w2006_lovaa.pdf